Per Redazione

Aurora D’Amico, nuovo album e nuovo tour

La cantante e cantautrice palermitana Aurora D’Amico, dopo avere suonato a Washington DC per la festa di Capodanno dell’ambasciatore David J Lane, torna in Italia carica di adrenalina e voglia di far conoscere al pubblico la sua musica. Così, a partire dal 26 maggio, l’artista inizierà la sua prima ed emozionante esperienza del tour “on the road”. Sarà, infatti, in concerto venerdì 26 maggio alle Officine Mac di Favara, in provincia di Agrigento; Sabato 27 maggio al Palazzo Reburdone di Caltagirone, in provincia di Catania e domenica 28 alla Drogheria di Licata, ancora in provincia di Agrigento. Lo scorso febbraio la giovane e talentuosa Aurora D’Amico ha iniziato la sua collaborazione con la 800a Records di Fabio Rizzo, con cui sta lavorando al prossimo album (in uscita quest’anno). Sarà un disco di 12 inediti scritti dalla stessa artista in lingua inglese. Alcuni brani sono completamente nuovi per il pubblico, altri invece saranno familiari a chi si è appassionato già in precedenza della sua musica. Le sonorità che costituiscono l’album sono decisamente sue: in modo privilegiato si impone la chitarra acustica, lasciando tuttavia spazio ad altri strumenti di arricchire le sue melodie e composizioni. Si tratta della chitarra elettrica, della tastiera e del basso, strumenti che solitamente non sono sul palco con me ma che in questa nuova avventura avvolgeranno il pubblico come una pioggia di armonie e cori. Per Aurora, il mini tour siciliano che inizierà a breve rappresenta un sogno che prende forma. Parlando del tour, l’artista si esprime così: “Credo che fare l’esperienza di un tour sia il modo più fruttuoso per farsi conoscere: cantare davanti a persone nuove e in posti diversi a volte funziona di più dell’essere attivi e presenti sui social media (non che questo sia meno importante, ma sono una che dà più valore al mondo reale piuttosto che a quello virtuale)”. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

Quattro, al via il concerto al Ridotto dello Spasimo

Tutto pronto a Palermo per l’atteso concerto che questa sera terrà l’innovativo progetto Quattro, nato dalla passione condivisa per la musica di quattro eccezionali front-man come Claudio Terzo, Manfredi Tumminello, Umberto Porcaro e Ferdinando Moncada. Gli artisti hanno organizzato per i fan palermitani un evento al Ridotto dello Spasimo-Blue Brass con un doppio set: il primo alle ore 20.35 e il secondo alle ore 22.35. L’idea è quella di proporre al pubblico uno spettacolo basato sullo strumento chitarra acustica, suonato ad arte e con amore da ciascuno dei musicisti sul palco. Sarà facile per gli ascoltatori rimanere affascinati dall’energia dei quattro artisti. Quattro, infatti, è passione comune per la chitarra acustica condivisa da quattro voci uniche, ognuna nel proprio genere. Si tratta di Manfredi Tumminello, Claudio Terzo, Umberto Porcaro e Ferdinando Moncada, veterani dei palchi da solisti o con le rispettive band. Insieme, proporranno un repertorio variegato e ricco di tutti i generi musicali. Ogni pezzo verrà rivisitato in chiave totalmente acustica e in polifonia vocale. Sarà possibile ascoltare ad esempio “I‟m on fire” di Bruce Springsteen, un medley swing, la colonna sonora di “Un tranquillo week end di paura”, brani dalle sonorità blues e tanti altro. La formula magica è rappresentata da una grande complicità dei Quattro chitarristi, grande capacità tecnica (evidente anche durante i momenti di improvvisazione presenti durante il live), amore e rispetto per la musica, lo strumento e il pubblico. Ogni loro esibizione trasuda energia, magia, atmosfera e calore, per divenire uno spettacolo vivace e frizzante, ricco di virtuosismi musicali. Calore è proprio la parola che maggiormente caratterizza il progetto, perché è questa la sensazione che prova chi ascolta un live di Quattro, ed è presente anche nella scelta dei brani. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

Concerto esclusivo di Antonello Venditti a Trapani

Il cantautore romano Antonello Venditti, uno dei pilastri su cui si fonda la musica italiana, terrà un concerto straordinario il prossimo 8 agosto nella splendida cornice dell’Anfiteatro di Partanna in provincia di Trapani. Si tratta di un evento esclusivo per la Sicilia occidentale, in cui Venditti canterà insieme ai suoi fan tutti i più grandi successi che hanno segnato la sua lunga carriera. Considerato fra i più popolari e tra i più prolifici della cosiddetta Scuola Romana, dal 1972, anno del suo debutto discografico, Antonello Venditti ha condensato nel suo repertorio canzoni d’amore e d’impegno sociale. Superando i 30 milioni di copie, è uno tra gli artisti italiani con il maggior numero di dischi venduti. La sua carriera vanta la pubblicazione di diciotto album in studio e nove dal vivo. Brani come “Unica”, “Dalla pelle al cuore”, “Sara”, “In questo mondo di ladri”, “Ci vorrebbe un amico”, “Alta marea”, “Amici mai”, “Notte prima degli esami”, “Grazie Roma” e “Giulio Cesare” sono solo un infinitesimo del numero di singoli che hanno caratterizzato il suo successo e fatto cantare intere generazioni di italiani. Durante il concerto a Partanna gli ascoltatori avranno la sensazione di fare un salto indietro nel tempo e di rivivere tutto il periodo storico in cui la musica di Venditti ha fatto da padrona nel panorama musicale, a partire quindi dagli anni ’70, fino ai giorni più recenti e ai suoi ultimi progetti discografici tra cui emergono “Non so dirti quando”, “Cosa avevi in mente”, “Forever” e “Indimenticabile”. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

I VORIANOVA A CAMMARATA IN OCCASIONE DEL RICORDO DELLA STRAGE DI CAPACI

In occasione del ricordo del 25° anniversario della strage di Capaci, i Vorianova, trio madonita dalle forti radici tradizionali sicule, contribuiranno con la loro musica a rendere omaggio ai caduti per mano di Cosa Nostra durante la tragica giornata del 23 maggio 1992. Il gruppo, infatti, parteciperà all’elegante concerto di gala che si terrà questa sera a Cammarata, presso il Teatro Comunale G. Lena, organizzato per non dimenticare un avvenimento così importante per la storia della Sicilia e dell’Italia intera. La musica originale dei Vorianova, la loro costante ricerca dell’approfondimento di un linguaggio diverso e poetico ottenuto attraverso l’uso della propria lingua d’origine, sono state le caratteristiche che hanno fatto sì che il trio venisse scelto per suonare nel corso di una giornata tanto sentita dal popolo siciliano unito contro la mafia. Il 23 maggio, infatti, tutti gli italiani in opposizione alla mafia ricordano il 25° anniversario della strage di Capaci, attentato di stampo mafioso messo in atto da Cosa Nostra sull’autostrada A29. Nell’attentato persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Anche i Vorianova si uniscono, dunque, a tale popolo, e portano sul palco del Teatro Comunale G. Lena la loro carica emotiva, trasmessa al pubblico attraverso un dialetto siculo denso di storie di vita e tradizione. La voce di Biagio Di Gesaro, la chitarra di Luca di Martino ed il pianoforte di Alessandra Macellaro La Franca canteranno e suoneranno la loro musica a Cammarata creando un’atmosfera affascinante e fondata sulla canzone d’autore dialettale siciliana. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

TAPPA A TAORMINA PER IL “20 YEARS OF PLACEBO”

LA BAND MULTINAZIONALE TANTO AMATA IN TUTTO IL MONDO, I PALCEBO, AGGIUNGE UNA NUOVA TAPPA ALLA TOURNÉE “20 YEARS OF PLACEBO” E SCEGLIE LA SICILIA. LA DESTINAZIONE SARÀ, INFATTI, TAORMINA E IL GRUPPO SI ESIBIRà PRESSO L’INCANTEVOLE CORNICE DEL TEATRO ANTICO, IL PROSSIMO 21 GIUGNO. IN SCALETTA LA BAND PROPORRà TUTTE LE CANZONI PIÙ IMPORTANTI DEL LORO REPERTORIO CELEBRANDO IL VENTESIMO ANNIVERSARIO DELLA PUBBLICAZIONE DEL LORO ALBUM DI DEBUTTO “PLACEBO”. A proposito del tour, la voce della band Brian Molko ha detto: “Questo tour è soprattutto per i fan; per noi è l’occasione di rivisitare un sacco di vecchio materiale. Quindi, se volete vederci suonare dal vivo canzoni come “Pure Morning” e “Nancy Boy”, che non facciamo da quasi dieci anni e probabilmente non faremo mai più, farete meglio a venire a uno di questi concerti! Ci saranno anche altre sorprese”. Durante lo spettacolo, quindi, non mancheranno tutti i loro brani contenuti nell’album di debutto, PLACEBO, del 1996; i successivi successi di WITHOUT YOU I’M NOTHING, album del incentrato sul tema della solitudine. A questi si aggiungeranno le canzoni di BLACK MARKET MUSIC, terzo progetto discografico uscito nell’ottobre del 2000 che vide la partecipazione del rapper americano Justin Warfield, di Rob Elis (collaboratore di PJ Harvey) e Severe Loren (Linoleum). Ed ancora: i brani di SLEEPING WITH GHOSTS, quarto CD del marzo 2003, seguito nel 2005 da ONCE MORE WITH FEELING: SINGLES, 1996-2004, una raccolta con due inediti e da MEDS, uscito nel marzo 2006 e contenente anche un duetto con Michael Stipe dei R.E.M. su “Broken promise”, BATTLE FOR THE SUN del 2009 e nel 2010 BATTLE FOR THE SUN (REDUX EDITION), un doppio che contiene sia il disco originale sia altri dieci brani, tra inediti e rivisitati. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

Eldo Lauriano Trio al Teatro Agricantus di Palermo

L’Eldo Lauriano Trio si esibirà, nel contesto degli eventi della “Settimana delle Culture”, domani martedì 23 maggio alle ore 21.30 al Teatro Agricantus di Palermo. Il trio ha preparato per il pubblico un concerto dalle musiche originali e dagli intensi colori estivi con forte sound swing, blues e funk, con l’immancabile “contaminazione” da influenze musicali mediterranee, sudamericane ed orientali. Anche quest’anno la Settimana delle Culture, giunta alla sua VI edizione, arricchirà per due settimane Palermo di tante iniziative sotto il segno della pluralità di espressione e della volontà di rendere questa città un museo diffuso, favorendo la costruzione di un sistema culturale integrato per la piena fruizione dei nostri tesori. A rendere ancor più piacevole l’evento sarà il sound dell’Eldo Lauriano Trio, in concerto al Teatro Agricantus. Il trio è formato da Eldo Lauriano al clarinetto basso, Alessandro Di Rosa al basso elettrico e Antonino Anastasi alla batteria. Eldo Lauriano attualmente lavora a diversi progetti musicali: il quartetto “Kale Akte, il trio “Soleil” ed il duo “Pagano – Lauriano” sono le formazioni con cui il clarinettista palermitano si esibisce più frequentemente, ma anche con l’orchestra “In-stabile Dis/Accordo” con cui ha in attivo più di cinquanta concerti in Italia ed in Europa. Eldo Lauriano ha registrato diversi cd come solista e come special guest, i più importanti sono: “Oasi” con i Kale Akte, “Trio Soleil” con il trio Soleil, “Live at Hamburg” con l’orchestra Instabile Dis-accordo. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

Levante, new entry siciliana tra i giudici di XFactor

Si rinnova la giuria del talent show xfactor giunto alla undicesima edizione. Dietro il bancone dei coach siederanno, dal prossimo settembre, il veterano Fedez, il confermato Manuel Agnelli, l’amata Mara Maionchi e Levante, nome d’arte della cantautrice siciliana Claudia Lagona, rivoluzione della musica indipendente italiana. Nata a Caltagirone, in provincia di Catania, Levante si trasferisce a Torino dopo l’improvvisa morte del padre ed è proprio nel capoluogo piemontese che l’artista inizia a muovere i primi passi nel mondo del cantautorato. Il suo primo singolo di successo esce nel 2013 con il titolo “Alfonso” e da quel momento inizia la sua fortuna: Levante comincia a partecipare a festival e agli eventi musicali organizzati in giro per la penisola e al plauso della critica, che vede in lei il prodotto di una discografia d’altri tempi lontana dai riflettori e dalla spia rossa della tv. Un anno dopo, nel 2014, arriva il primo album: “Manuale distruzione” che debutta alla posizione numero 8 della classifica FIMI e viene premiato come “migliore opera prima” dall’Academy Medimex e finalista del Premio Tenco. Durante il “Manuale Distruzione tour”, che la vede sul palco insieme ad Alberto Bianco, Daniele Celona, Federico Puttilli e Alessio Sanfilippo, partecipa al Concerto del Primo Maggio a Roma e alterna le sue date con le aperture dei concerti di “Un amore così grande tour” dei Negramaro. Nel 2015 viene pubblicato il suo secondo album dal titolo “Abbi cura di te”. Il 2017 è stato per Levante l’anno delle rivoluzioni e delle conquiste: pubblica “Nel caos di stanze stupefacenti”, il suo terzo disco e scrive il suo primo romanzo “Se non ti vedo non esisti”. Ma l’eco del suo successo si diffonde anche attraverso “Assenzio”, singolo contenuto in Comunisti con il Rolex di J-Ax e Fedez a cui partecipa come featuring d’eccezione insieme a Stash dei The Kolors. La sua musica, malinconica e graffiante, sfugge a qualsiasi etichetta e a qualsiasi definizione. A Levante interessa trasmettere le sue emozioni e che la definiscano alternativa o pop poco importa. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

CONCERTO JAZZ AI CANTIERI CULTURALI ALLA ZISA DI PALERMO CON IL DUO WORKER RANDISI

QUESTA SERA, LUNEDÌ 22 MAGGIO, A PARTIRE DALLE ORE 21, IL PALCOSCENICO DEI CANTIERI CULTURALI ALLA ZISA DI PALERMO SARÀ ILLUMINATO DALLA STRAORDINARIA VOCE RIVELAZIONE DI KATE WORKER E LA MAESTRIA ECCELSA DI RICCARDO RANDISI AL PIANOFORTE. SOLIDI, AFFIATATI E COSTANTI COMPAGNI DI VIAGGIO L’UNO AL FIANCO DELL’ALTRA, I DUE ARTISTI INSIEME OFFRIRANNO UN CONCERTO DAL REPERTORIO RAFFINATO E TRASVERSALE CON ARRANGIAMENTI ORIGINALI: SI PASSERÀ DAGLI STANDARD DELLA TRADIZIONE JAZZISTICA ALLE RIVISITAZIONI DI CELEBRI BRANI DELLA CULTURA POP INTERNAZIONALE E ITALIANA. Il duo, dunque, ha preparato per i fan palermitani una serata originale ed imperdibile. Gli spettacoli ultimamente proposti dai due artisti hanno preso la forma dell’evoluzione musicale del progetto già collaudato targato Indue, sempre per piano e voce. Anche l’esibizione in programma stasera, ha la caratteristica di mixarsi di volta in volta con svariati musicisti del panorama jazzistico e non solo. I due artisti siciliani proporranno in scaletta un viaggio unico ed eccezionale attraverso cui si potrà spaziare dai più noti standard del Jazz Americani, strizzando un occhio ad alcune indimenticabili songs di Frank Sinatra come “I’ve got you under My skin”, “Night and day” e “Fly me to the Moon”. I colori del concerto saranno squisitamente e volutamente trasversali, realizzati attraverso sonorità a volte decise e a volte liriche con tratti e sfumature pop, funk ed anche soul. Si passerà, attraverso un magico filo conduttore, a musicisti come Jobim e Cole Porter fino agli scioglilingua del trio vocale statunitense Lambert, Hendricks & Ross fino ad una rapida incursione al repertorio che ha segnato la formazione musicale di Kate fin dalle sue prime giovani live performance. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

ANTONIO PUTZU SUONA LE MELODIE DE “IL CASELLANTE” AL TEATRO SISTINA DI ROMA

GIUNGE AL TERMINE IL LUNGO PERCORSO DE “IL CASELLANTE”. DOPO BEN 75 TAPPE IN GIRO PER L’ITALIA, è STATA SCELTA LA CAPITALE COME META CONCLUSIVA PER SALUTARE IL PUBBLICO. DAL 23 AL 28 MAGGIO, INFATTI, LO SPETTACOLO TRATTO DAL NOTO ROMANZO DI ANDREA CAMILLERI VERRà ESEGUITO TRA LE MURA DELL’IMPONENTE E STORICO TEATRO SISTINA DI ROMA. IL CASELLANTE è CERTAMENTE UNO TRA I LIBRI Più DIVERTENTI ED ALLO STESSO TEMPO STRUGGENTI DI ANDREA CAMILLERI, CARATTERISTICHE CHE VERRANNO ESALTATE DALLA DIREZIONE DI GIUSEPPE DI PASQUALE E DALLE MUSICHE CHE PORTANO LA PRESTIGIOSA FIRMA DI MARIO INCUDINE E CHE SONO SUONATE DAL VIVO DALLO STRAORDINARIO MUSICISTA ANTONIO PUTZU, LEADER DEGLI IRISH QUARTET. L’articolazione dello spettacolo ha previsto 75 tappe durante le quali l’opera di Camilleri ha viaggiato in lungo ed in largo per il nostro paese. “Il Casellante” è partito da Milano presso il Teatro Carcano e si chiuderà l’ultima settimana di maggio (dal 23 al 28) al Teatro Sistina di Roma. L’ambizioso progetto che unisce il regista siciliano Di Pasquale e lo scrittore Camilleri, conta la compagnia capitanata da Moni Ovadia, Valeria Contadino, Sergio Seminara e Giampaolo Romania. Le musiche dello spettacolo sono originali e nate dalla penna di Mario Incudine per poi essere interpretate e suonate dal vivo da Antonio Vasta ed Antonio Putzu. Proprio Putzu, leader degli Irish Quartet, si dimostra, con questo racconto in cui si fondono perfettamente recitazione e musica, non soltanto un esperto di musica irlandese, ma anche di musica popolare siciliana e teatro. Lui, infatti, non salirà sul palco soltanto nelle vesti di musicista ma sarà anche uno dei sette attori in scena. Il Casellante è ambientato nella Sicilia fascista degli anni Quaranta. Si racconta la storia di una metamorfosi e un racconto emblematico di un modo di essere e di ragionare. Parallelamente, lo spettacolo sarà un momento in cui raccontare il dramma della maternità negata e della guerra, in cui sorridere e commuoversi, in cui cantare ed emozionarsi attraverso la musica. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA

Per Redazione

CATANIA, FRANCO BATTIATO INTERPRETA L’OPERA “MESSA ARCAICA”

MANCA POCO PER IL SUGGESTIVO ED EMOZIONANTE CONCERTO CHE FRANCO BATTIATO REALIZZERà SUL PALCO DEL TEATRO MASSIMO BELLINI DI CATANIA. L’ARTISTA SICILIANO CHE CONTINUA A SORPRENDERE IL PUBBLICO PER LA RICERCATEZZA E L’ORIGINALITÀ DELLE SUE INTERPRETAZIONI, METTERà IN SCENA, MARTED’ 30 MAGGIO, L’INCANTEVOLE OPERA “MESSA ARCAICA” ACCOMPAGNATO DAL CORO E DALL’ORCHESTRA DEL TEATRO. SI TRATTA PROBABILMENTE DELL’OPERA PIÙ TRADIZIONALE COMPOSTA DA BATTIATO, SPECIALMENTE NELLE PARTI CORALI E SINFONICHE. Gli spettatori presenti al Teatro Bellini assisteranno ad un evento musicale che li trascinerà all’interno dei sentimenti più profondi, come dichiarato dallo stesso Battiato: “Messa arcaica è una ricerca costante della bellezza, dell’armonia, della fluidità delle soluzioni che si muovono all’interno di ogni linguaggio prescelto. Per comunicare certi sentimenti, certe emozioni, certe opzioni del cuore, è necessario seguire strade ben definite. Un’esperienza per me estremamente significativa. Mi ha insegnato quanto sia strano questo nostro mondo musicale: dove capita di essere al centro di un tifo da mega-concerto rock anche quando si suona in una chiesa, anche quando si esegue un’opera che si muove lungo un tenuissimo filo orizzontale. Tutto questo è molto gratificante, intendiamoci: ma è certo che non mi sarei mai aspettato di vedere il Duomo di Orvieto trasformarsi in una sorta di Palasport, al termine dell’esecuzione”. L’opera “Messa Arcaica” è stata pubblicata nell’album del 1993 da Francesco Battiato e rappresentata nella Chiesa di S. Bernardino a L’Aquila e nella Basilica di San Francesco ad Assisi. È una composizione per coro e orchestra tra le più significative di Battiato, erede di una tradizione che va da Bach e Mozart. La rappresentazione dell’opera sarà suddivisa in due parti: la prima parte prevede l’esecuzione di Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus, Agnus Dei. La seconda, poi, sarà costituita dalle canzoni mistiche. –
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: MUSICA