Per admin

Capitan Nestorovski: “Palermo merita la vetta. Forza palermitani”

Un’altra doppietta, un’altro messaggio da leader. Ilija Nestorovski segna e trascina il Palermo alla vetta solitaria della classifica e dopo la partita con l’Entella il macedone lo sottolinea con un post diretto ai propri follower.

Sul suo profilo Facebook appare la classifica di Serie B e il Palermo è in vetta: “Questi ragazzi, questa società, questi colori e soprattutto questa città meritano di stare lì, godiamoci questo momento con umiltà e la testa già alla prossima partita. Forza Palermo e forza Palermitani!”

Per admin

Palermo, infortunio Morganella: si teme per il legamento collaterale

Michel Morganella costretto a lasciare il campo intorno al 40esimo minuto del match casalingo contro la Virtus Entella. Il terzino svizzero ha ricevuto una forte contusione sulla parte superiore del ginocchio sinistro. E dopo i primi esami la preoccupazione resta alta.

Ecco l’esito dei primi esami: “Durante la partita di oggi contro la Virtus Entella, Michel Morganella ha lasciato il campo per un infortunio al ginocchio sinistro (sospetto interessamento del legamento collaterale mediale). Il calciatore svizzero si sottoporrà nella giornata di lunedì ad una risonanza magnetica”.

LE PAGELLE DI PALERMO – ENTELLA

Molto dolorante, Morganella ha immediatamente chiesto il cambio all’allenatore. Al suo posto, vista l’emergenza e la contemporanea assenza di Aleesami e Rolando, adattato Luca Fiordilino sull’out sinistro, ruolo che probabilmente svolgerà anche nelle prossime giornate.

Per admin

Palermo – Entella, le pagelle: Nestod’oro, Posavec eccellente. Che bravo Fiordilino!

Il Palermo vola in alto grazie alla sua seconda vittoria consecutiva. Il Palermo è stato fortunato all’inizio ma poi ha imposto i diritti della classe e ha vinto in scioltezza grazie, ancora una volta, al suo bomber principe, Nestorovski, autore di un’altra doppietta.

>LA CRONACA DEL MATCH

PALERMO: Posavec 7; Cionek 6, Struna 6, Szyminski 6; Rispoli 7, Murawski 6, Jajalo 5, Chochev 6,5, Morganella 6 (dal 42′ p.t. Fiordilino 6,5); Coronado 6,5 (dal 27′ s.t. Embalo 6,5); Nestorovski 8,5 (dal 42′ s.t. Trajkovski s.v.).

V. ENTELLA: Iacobucci 6; Belli 5,5, Benedetti 5,5, Pellizzer 4,5, Brivio 6,5; Eramo 6, Troiano 6, Palermo 5 (dal 14′ s.t. Diaw 5,5); Crimi 6 (dal 31′ s.t. Nizzetto s.v.); De Luca 5, La Mantia 5.

Posavec 7: Strepitoso su Crimi, sicuro in altri interventi non banali, migliorato anche sulle palle alte. Imbattuto ancora una volta. Una prestazione impeccabile.

Cionek 6: Limita i danni con l’aiuto di molti falli. Non è al meglio, stringe i denti con generosità ma è meno sicuro di altre volte.

Struna 6: Soffre nei primi 20 minuti anche per l’imprevedibile vivacità della manovra ligure: quando la squadra ritrova gli equilibri anche lui rifiata e non rischia nulla.

Szyminski 6: Condizionato dai guai fisici, fa il compitino (non difficile) e basta.

Rispoli 7: Si procura il fallo da rigore, va due volte vicino al gol su azioni di mischia e presidia con autorevolezza la sua fascia di competenza. Anche stavolta tra i migliori.

Murawski 6: Si vede subito che non è in condizioni fisiche ottimali. Fin dall’inizio “gestisce” la sua partita limitando l’esuberanza. Gara sufficiente ma nulla di più.

Jajalo 5: Primo tempo largamente sotto la sufficienza. Perde subito una palla “sanguinosa” al limite dell’area (e deve dire grazie a Posavec), becca subito un’ammonizione che lo condiziona e complessivamente dà l’idea di essere nervoso. Meglio nella ripresa ma gestisce malissimo un favorevole contropiede.

Chochev 6,5: Prestazione lineare sa in impostazione che in fase di filtro. Come tutti, soffre nei minuti iniziali e si scioglie con il passare dei minuti, gestendo tantissimi palloni.

Morganella 6: Una partita tatticamente corretta che termina troppo presto per un infortunio al ginocchio sinistro che appare serio. In bocca al lupo.

(Fiordilino) 6,5: Bella realtà. Entra a partita in corso, in un ruolo non esattamente suo e fa una bella figura con l’umiltà di non volere strafare. Tedino può insistere su di lui, considerato che sulla fascia gli uomini sono contati.

Coronado 6,5: Decisamente più tonico rispetto al recente passato. Gioca molti palloni, colpisce una clamorosa traversa, è più fluido nella manovra. E il Palermo se ne accorge.

(Embalo 6,5): Si costruisce da solo, meravigliosamente, una grande palla gol e la spreca con un tiro irresistibile. Embalo è questo, con pregi e difetti. Ma è sempre molto disponibile alla manovra e pochi sanno entrare subito in partita come lui. Serve anche una palla splendida a Rispoli (che sbaglia) e comunque in un quarto d’ora gioca tantissimi palloni

Nestorovski 8,5: Ancora due gol: un rigore perfetto con cui sblocca la partita e una punizione alla Dybala da grande campione. Prima dei gol una conclusione angolatissima sulla quale il portiere avversario fa un miracolo. Otto gol in nove partite, quando segna lui il Palermo vince sempre: bisogna aggiungere altro?

Per admin

Palermo, nuova protesta da parte dei tifosi

Come già successo all’inizio di questa stagione, prima del match di Coppa Italia contro la Virtus Francavilla, i tifosi rosanero organizzano una protesta all’esterno dello stadio, prevista per sabato 28 ottobre, nei minuti che precederanno Palermo – Virtus Entella.

> PALERMO, 4 GIOCATORI CONVOCATI IN NAZIONALE

Lo Stadio delle palme sarà la tappa iniziale della protesta, organizzata dai rappresentanti del Direttivo T.I.R.R (Tifosi rosanero riuniti) che dall’inizio della stagione hanno deciso di disertare lo stadio in aperta polemica con la gestione societaria di Maurizio Zamparini, rimasto il “bersaglio” principale del malcontento della tifoseria.

La “marcia” arriverà fino a Piazza Alcide De Gasperi, con giro previsto nella zona di Villa Sofia, per evitare la zona transennata.

> SERIE A, 11A GIORNATA: CONSIGLI FANTACALCIO

Dopo il riaccendersi delle speranze legate al nome di Frank Cascio (che potrebbe diventare il nuovo presidente entro il prossimo anno) i tifosi ritornano ad alzare la voce.

Per admin

Tedino: “Gioca Jajalo. Emergenza? Ormai siamo abituati…”

Ritorno in campo del Palermo, contro la Virtus Entella. Una partita che dovrà servire a dare continuità alla vittoria fuori casa contro il Carpi nonostante l’emergenza. Tedino, in conferenza stampa, ha chiarito la situazione: “Siamo abituati dall’inizio della stagione a convivere con l’emergenza. Non possiamo farci niente: prima Aleesami, adesso Pawel (Dawidowics, ha subito un trauma al quadricipite in una partita molto “maschia”). Lavorare in emergenza ormai è un abitudine, ma non un alibi. Dobbiamo fare il nostro percorso”.

Nel prossimo match servirà dare il massimo: “L’Entella ha messo in difficoltà tutte le squadre, si difende molto bene, ha molta gamba ed energia e riparte con De Luca in velocità. Fare il nostro potrebbe non bastare per ottenere i tre punti. Non sempre abbiamo avuto una rosa all’altezza. Come sistema di gioco non abbiamo cambiato così spesso, più che altro lo abbiamo fatto per motivi contingenti di infortuni e assenti, non certo per adeguarci agli gli avversari. Non credo che con l’Entella giocheremo con la difesa a 4″.

PALERMO-VIRTUS ENTELLA: PROBABILI FORMAZIONI

La promozione non è scontata: “A Carpi abbiamo fatto una buona prestazione: non mi è sembrato giusto gettare fango sul gruppo per una sconfitta, l’unica in 3 mesi. Io rendo conto ad un club ed una città, nessuno può mettere in dubbio l’impegno.Ovviamente la promozione non è una passeggiata, è un percorso lungo e difficile. Per assenze e per l’impegno ravvicinato sarà una gara difficile. Anche negli episodi dobbiamo essere più decisi e credibili: siamo riusciti a ingigantire anche il Novara che ha fatto 2 gol su 2 tiri e mezzo in porta”.

Con l’Entella giocherà Jajalo: “Gli chiederò di non sentire il brusio della gente. Quando è entrato ha sempre fatto ottime prestazioni. Jajalo ha fatto un lavoro straordinario, mi aspetto che faccia le stesse prestazioni in casa come quelle in trasferta. E non è un problema di testa: se fa 10 cose giuste e poi ci si accorge di quella sbagliata è difficile. Prima o poi il pubblico si ricrederà su di lui come con Struna. Vero che Struna ha cambiato ruolo, ma anche lui vive di queste situazioni. Bisogna essere cattivi sempre”.

Serve sempre umiltà e fame di vittoria, altrimenti si rischia di perdere: “I ragazzi hanno dimostrato tanti pregi, ovviamente anche qualche difetto; però dopo 25 minuti contro l’Empoli eravamo già con il caffettino in bocca. Quando questa squadra capisce che deve mettere umiltà e pareggiare la voglia degli altri, allora possiamo giocarcela. Altrimenti la paghi. Se la squadra farà una grande partita come atteggiamento, che non deve mai mancare, allora sarò contento. Ovviamente qualcuno a causa degli infortuni dovrà fare degli straordinari”.

La scelta di usare una sola punta è solo tattica: “Un solo attaccante non è una scelta legata né all’emergenza né agli avversari. Non si possono “regalare” giocatori agli avversari, serve equilibrio. Siamo convinti che con questo tipo di soluzioni possiamo fare bene. Nessuna squadra del mondo riesce a fare 100 minuti all’attacco”.

VIRTUS ENTELLA, LA LISTA DEI CONVOCATI

Sull’abbraccio di Nesto, spiega: “Dovete chiederlo a lui. Nel calcio alle volte i gesti e le cose che si vedono sono reali, non te li può portare via nessuno. I fatti restano. Se siamo un gruppo, lo si deve a quanto fatto insieme. Se si sgretola questo atteggiamento, diventa tutto più difficile. A Novara secondo me ci sono rimasti male loro e io, come un figlio che tradisce le aspettative, consapevoli di un bel rapporto e di valori importanti”.

Per Murawski sono stati tre giorni di “riposo”, prima del probabile impiego dal primo minuto: “Szyminski ha avuto una botta in testa e alla caviglia,Dawidowicz si è fatto male. Murawski ha giocato quasi sempre. I tre polacchi non sono arrivati in una grandissima condizione, ma sono stati sempre “al gancio” in ogni allenamento. Hanno bisogno di un pit stop, non gestiscono niente e vanno sempre a cento all’ora. Loro non dicono mai niente, anche quando stanno male vogliono giocare. Erano stanchi e con 3 partite in una settimana bisogna gestirli. Anche Gnahoré adesso è in una fase di calo, ma è un giocatore importante. Bisogna usare il bilancino perché i ragazzi rischiano di farsi male”.

Su Rispoli:Quando un ragazzo decide di staccare la spina in ottica cessione, lavora diversamente: tira indietro la gamba, se sbaglia pazienza. Poi ha avuto bisogno del tempo per ritrovare condizione. Anche se ha 30 anni vuole sempre imparare e da lui mi aspetto ancora un ulteriore salto di qualità“.

TRAJKOVSKI BOCCIATO: CESSIONE A GENNAIO?

Tedino torna sulla partita contro il Novara: “Ormai è dimostrato che andare in vantaggio aiuta, ma noi abbiamo fatto una prestazione insufficiente. Se vai scanzonato nel quartiere malfamato, ti rubano tutto. Se stai attento questo non accade. Il problema è l’atteggiamento, la sconfitta ci può stare. Il vantaggio avrebbe cambiato poco: forse ci saremmo accontentati. A Foggia eravamo sott’acqua e abbiamo reagito. Se questi ragazzi lavorano, e migliorano il loro atteggiamento, possono crescere ancora”.

Rolando si è infortunato di nuovo, infermeria piena: “Prima ha avuto un infortunio muscolare, ora una frattura che se la pigliavo io stavo in ospedale per 3 mesi. Lui ha tenuto duro. Abbiamo fuori anche Aleesami e per ora saremo certamente in difficoltà. Si può studiare tutto in teoria, ma la pratica è un’altra cosa.Fiordilino può giocare dappertutto ma serve gamba e resistenza. Szyminski ha la caviglia gonfia, ma se mancasse gioca Accardi. Nel reparto difensivo non abbiamo molti giocatori pronti all’uso”.

PALERMO, ROLANDO E DAWIDOWICZ SI ROMPONO

Sarà necessario attingere dalla Primavera o far affidamento al calciomercato? “Per quanto riguarda la Primavera, in questo momento non possiamo attingere troppo: sono bravi ma devono crescere. Bellusci: torna fra una decina di giorni. Aleesami tra circa 15 (LEGGI QUI PER I DETTAGLI). Sul mercato, non credo sia necessario prendere nessuno. Preferisco far giocare Accardi che prendere un giocatore nuovo che ha bisogno di un mese per inserirsi. Fiordilino può anche essere impiegato sulla fascia. La Gumina si sta allenando benissimo, Monachellosta rientrando e mi sta piacendo. Darò anche a loro delle possibilità, hanno giocato in molti e darò delle possibilità anche a loro”.

Rajkovic non sta ancora bene: “Lavora in gruppo, ma non sta bene ancora. Ha un atteggiamento e modo di allenarsi da campione, un esempio. Avrà bisogno di almeno 15 giorni per rivederlo pronto sul piano agonistico (LEGGI QUI PER I DETTAGLI)

Su Coronado, conclude: “Ha dato tanto in condizioni difficili, è un giocatore che vorremo fosse sempre al 100%. Nell’ultimo mese però non è successo, non è sicuramente in condizione. Però è sicuramente un giocatore irrinunciabile per noi”.

Per admin

Palermo, contro l’Entella è l’occasione giusta per “alzare la voce”

E’ l’occasione per il primo strappo in classifica. Tre punti contro la Virtus Entella potrebbero portare il Palermo al primo posto (Empoli e Frosinonegiocano complicate partite esterne) e cancellerebbero definitivamente la sconfitta di sette giorni fa con il Novara. Soprattutto il morale, della squadra e dell’ambiente, ritroverebbe qualche spinta positiva che è pur sempre condizione necessaria per cercare di vincere qualcosa. Come ho già detto più volte, la classifica conta – per ora – fino a un certo punto ma bisogna interpretare i segnali.La vittoria di Carpi ha lasciato il buon sapore di una squadra decisa a vincere la partita fin dal primo minuto. Se fu vera gloria ce lo dirà la gara di oggi pomeriggio, apparentemente facile e perciò piena di insidie. Spero che la sconfitta contro il Novara, gara forse sottovalutata, sia stata una buona lezione per molti.

COSA HA DETTO TEDINO

Nemmeno oggi mancheranno gli infortunati (ma non sono un po’ troppi?) ma non si può parlare di vera emergenza, si è visto di peggio. Igor Coronado, a sentire le parole di Tedino, ci sarà anche se, nelle precarie condizioni atletiche in cui ha giocato ultimamente, non so se sia un vantaggio e non sono d’accordo con il tecnico quando dice che il giocatore è indispensabile: può anche essere più utile per tutti fermarlo 15 giorni e recuperarlo bene fisicamente.

PROTESTA DEI TIFOSI PRIMA DELLA GARA

Piena solidarietà a Tedino invece per quanto riguarda Trajkovski. Il giocatore macedone ha avuto le sue chance, le ha fallite tutte soprattutto sul piano della voglia e adesso non è più in prima fila nelle gerarchie del tecnico che giustamente si coccola Embalo, giocatore che ha sempre dato l’anima in campo, utilissimo a destabilizzare le difese avversarie e pertanto perdonabile se a volte fa le cose troppo in fretta e commette errori banali. La voglia di Embalo – che forse andrebbe sostenuto di più – può essere una risorsa importante al pari di La Gumina che è stato ancora una volta elogiato dal tecnico. Fermo restando, ovviamente, Nestorovski che – zitto zitto – è già a sei gol in 8 partite (ne ha saltate tre) e con questa media può superare quota 20.

PALERMO – ENTELLA, PROBABILI FORMAZIONI

Il resto della formazione sembra “scontato”, come la difesa a 3 e il centrocampo a 5. Mancando Rolando ritorna Morganella e vista l’assenza di Dawidowicz ritorna Jajalo dall’inizio: c’è poco da discutere: con Accardi e Fiordilino – giovani promesse – che scalpitano con buone possibilità di ritagliarsi uno spazio importante. Semmai sarebbe bello rivedere una squadra che fin dal primo minuto dimostri tangibilmente di “volere” vincere la partita e di sacrificarsi su ogni pallone per riuscirci. Finora il Palermo non è mai riuscito a vincere due gare di seguito, questa è l’occasione per “alzare la voce”.

Per admin

Embalo: “Nestorovski, che assist! Gol per la mia compagna e mio figlio”

Il protagonista di questi giorni, oltre a Nestorovski, è senza dubbio Carlos Embalo. L’esterno guineense ha trovato la sua prima rete con la maglia del Palermo e Tedino “ha deciso di promuoverlo al posto di Trajkovski, bocciato dopo deludenti prestazioni”, sottolinea l’edizione odierna de Il Corriere dello Sport. Inoltre l’abbraccio del bomber e capitano rosanero vale come un’investitura ufficiale.

Embalo ha seguito le direttive e i consigli di Tedino e così il Palermo ha ritrovato un attaccante che aveva perso le su certezze: “Sono felicissimo per la rete, era ora – ammette l’esterno rosanero – . Ho avuto pazienza ed è arrivato al momento giusto. Ci speravo inoltre per dedicarlo alla mia  danzata Greta, la più importante di tutti, e al nostro bambino che nascerà tra un mese circa”.

FOTO – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI, 27 OTTOBRE

Un gol dunque dal sapore speciale, merito anche di un assit al bacio di Nestorovski: “Che assist il capitano! E’ un grande calciatore, lo ringrazio per tutto. Il suo abbraccio? Significa che siamo un gruppo unito”, spiega Embalo. Maturità acquistità, adesso è pronto a diventare anche il padre di Kevin. “Era in una scuola calcio del Senegal, un bambino prodigio. Per lui, io e mia moglie siamo diventati papà Beppe e mamma Antonella”, racconta il suo agente Beppe Accardi, che lo hconosce fin da quando era un bambino.

“Con Tedino ha un grande rapporto ed è stato proprio il tecnico a puntare i piedi in estate: ‘Embalo non si tocca, non abbiamo giocatori come lui’”, racconta. Può essere anche il campionato di Embalo.

Per admin

Palermo, Trajkovski bocciato: a gennaio la cessione?

Il Palermo e Aleksandar Trajkovski, un rapporto pieno di sali e scendi che rischia di essere arrivato al capolinea. Le ultime prestazioni deludenti del macedone hanno fatto partire delle serie valutazioni sul suo futuro all’interno della società rosanero.

>> EMBALO: “NESTOROVSKI, CHE ASSIST!”

Come spiega Il Corriere dello Sport, anche la pazienza di Tedino nei confronti di Trajkovski sembra ormai agli sgoccioli. La società, allora, starebbe pensando ad una sua eventuale cessione già nella sessione invernale di calciomercato.

Il contratto del macedone con il club rosanero scade nel 2020, Zamparini potrebbe però decidere di privarsene per monetizzare e rinforzare il reparto offensivo con una o due punte affidabili dal punto di vista del rendimento. Non è un mistero che ultimamente il patron friulano abbia perso fiducia nel trequartista ex Zulte Waregem, bacchettato e spronato anche pubblicamente.

>> PALERMO, DAWIDOWICZ E ROLANDO SI “ROMPONO”

Dopo una preseason eccellente, l’esordio con gol contro lo Spezia e poi un calo netto – intervallato dall’exploit con la maglia della Macedonia, due reti in due gare contro Italia e Liechtenstein – , l’avventura di Trajkovski al Palermo potrebbe avere i giorni contati. Serve un cambio di rotta, e anche immediato. Altrimenti sarà addio.

Per admin

Palermo – Virtus Entella: le probabili formazioni

Ecco le probabili formazioni di Palermo – Virtus Entella, gara valida per la dodicesima giornata del campionato di Serie B (appuntamento sabato 28 ottobre, calcio di inizio alle ore 15 presso lo stadio “Renzo Barbera”) (AGGIORNATO IL 26/10/2017 ALLE ORE 18.20): 

PALERMO (3 – 4 – 1 – 2): Posavec; Cionek, Struna, Szyminski (Accardi); Rispoli, Murawski (Chochev), Jajalo, Morganella; Coronado; Nestorovski, Embalo. Allenatore: Tedino

Infortunati: Aleesami, Balogh, Bellusci, Dawidowicz, Ingegneri, Rolando

>>>DAWIDOWICZ E ROLANDO SI “ROMPONO”: IL REPORT

Squalificati: nessuno

V. ENTELLA (4 – 3 – 1 – 2): Iacobucci; De Santis, Pellizzer, Benedetti, Brivio; Troiano, Eramo, Crimi; Nizzetto; Luppi (La Mantia), De Luca. Allenatore: Castorina

La vittoria convincente in casa del Carpi spinge Bruno Tedino a confermare il modulo e gran parte degli uomini vittoriosi in Emilia, al netto di qualche acciaccio post gara e due infortuni seri a Dawidowicz e Rolando.

In porta ci sarà Posavec, in difesa sicuri di un posto sia Cionek che Struna. Terzo posto da centrale che dovrebbe essere affidato a Szyminski, ma le sue condizioni sono da valutare il polacco ha accusato un trauma contusivo alla caviglia e ha rimediato anche un piccolo taglio alla testa. Se dovesse dare forfait pronto Accardi.

>> PALERMO, CI SONO NUOVE “CERTEZZE”

Possibile una linea di centrocampo a quattro: con Dawidowicz out per una lesione muscolare, Jajalo sarà confermato in cabina di regia, con uno tra Murawski e Chochev ai suoi fianchi. Sulle fasce confermato Rispoli, mentre Rolando torna i box per un frattura all’osso navicolare del piede. Pronto dunque al rientro Morganella, che sostituirà il giovane esterno sulla fascia sinistra.

FOTO – STRUNA… ROMANTICO: “NESTO, BACIAMI ANCORA”

Attacco affidato, senza troppi dubbi, a Nestorovski. Il macedone è reduce da una doppietta e proverà a guidare ancora una volta la squadra verso la vittoria. Al suo fianco sempre più alte le quotazioni di Embalo, in rete contro il Carpi, mentreCoronado potrebbe essere nuovamente impiegato nonostante una condizione fisica precaria e (forse) la necessità di rifiatare dopo un periodo complicato sul piano atletico. Molto più defilato Trajkovski.