Per Redazione

GdS – Baccaglini a Palermo per chiudere il cerchio

Agenda fitta di impegni per Paul Baccaglini al suo ritorno a Palermo, sottolinea l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia. Baccaglini torna in città per dare continuità al lavoro svolto fino ad ora tra Londra e Padova e spera di ricevere proprio in città la comunicazione delle banche dello sblocco dei fondi per l’acquisizione delle intere quote del Palermo Calcio.
Intanto già da domani l’ex iena dovrà fare i conti con il primo appuntamento cittadino. Si tratta del summit con il rieletto sindaco Leoluca Orlando. I due si erano incontrati lo scorso 9 marzo. Il presidente rosanero aggiornerà il primo cittadino sullo stato della trattativa per il futuro del club. Ma non solo. I due torneranno a parlare anche di nuovo stadio e centro sportivo, discorso già avviato ma che era stato interrotto visto il closing prolungato e Orlando impegnato nelle elezioni. Già da domani i due possono affrontare nuovamente la questione.
FOTO – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI, 25 GIUGNO
Per Baccaglini poi incontro con il nuovo tecnico Tedino e con il neo ds Lupo. Il presidente ha già avuto modo di conoscerli e li incontrerà nuovamente nella loro breve permanenza in Sicilia. Il neo ds Lupo non si tratterrà molto in città visti i tanti incontri programmati a Milano per il mercato. Baccaglini verrà aggiornato passo dopo passo sulle operazioni, la volontà è quella di fornire a Tedino una solida base sulla quale lavorare in vista del ritiro.
Il primo incontro di Lupo è stato con l’agente di Rispoli. Il terzino è uno dei pilastri dai quali il nuovo Palermo di Baccaglini vuole ripartire. Il primo faccia a faccia è stato interlocutorio, ce ne saranno altri per provare a convincere Rispoli alla permanenza. Dopo Ingegneri, Lupo sonda la pista che porta al centrale svincolato Masi. Non rinnoverà Andelkovic, valigie pronte anche Morganella, Gazzi e Diamanti. Verso la permanenza invece Goldaniga – ancora da convincere del tutto, c’è il Sassuolo –  e Jajalo. Per il bosniaco si allontana la pista Udinese. Anche Struna per il momento non parte, a meno che Lupo non trovi un altro terzino destro.
LEGGI ANCHE:
GAZZETTA DELLO SPORT – CRISI INFINITA, DI DONATO: “IL MIO PALERMO ADESSO È UNA BARZELLETTA”
CORRIERE DELLO SPORT – CAOS! PALERMO AL BIVIO
REPUBBLICA – PALERMO, NUOVO STADIO: SUMMIT DI BACCAGLINI CON ORLANDO
L’articolo GdS – Baccaglini a Palermo per chiudere il cerchio proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Repubblica – Palermo, nuovo stadio: summit di Baccaglini con Orlando

Baccaglini questa sera tornerà a Palermo, annuncia l’edizione de La Repubblica. Il presidente rosanero accoglierà in città anche il nuovo allenatore Tedino e il ds Lupo che invece arriveranno domani. Non sarà il primo contatto tra loro visto che il dopo il passo indietro di Carli, anche Baccaglini ha condiviso la scelta di puntare su di loro. Una cogestione con Zamparini che ha sollevato tanti dubbi ma che ha permesso di sbloccare la situazione.
Decisivo sarà invece l’incontro che Baccaglini avrà domani con il sindaco Orlando, dopo i contatti telefonici degli ultimi giorni. Il presidente rosanero aggiornerà il rieletto sindaco palermitano sullo stato della trattativa ma soprattutto si affronterà il tema della costruzione dello stadio, alla base di tutti gli accordi sottoscritti dalla nuova proprietà.
FOTO – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI, 25 GIUGNO
La linea dettata dall’amministrazione comunale è chiara: apertura a nuove infrastrutture, rispetto delle norme e chiarezza su chi parteciperà all’affare. Baccaglini, nel primo incontro con Orlando, aveva annunciato che a fine giugno sarebbe stato presentato un progetto. Difficile che domani sia il giorno giusto, ma probabile sia un incontro per tornare a parlare di un argomento rimasto in stand-by per qualche mese.
Sul fronte del campo, il neo ds Lupo ha avviato la normale gestione sportiva del club. Lupo ha infatti dato il via libera alle cessioni di Bruno Henrique e Gonzalez, avvierà i  contatti con i giocatori ritenuti importanti come Goldaniga, Rispoli e Nestorovski e con tutti quelli in scadenza nel 2018.
LEGGI ANCHE:
GAZZETTA DELLO SPORT – CRISI INFINITA, DI DONATO: “IL MIO PALERMO ADESSO È UNA BARZELLETTA”
CORRIERE DELLO SPORT – CAOS! PALERMO AL BIVIO
L’articolo Repubblica – Palermo, nuovo stadio: summit di Baccaglini con Orlando proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

CorSport – Caos! Palermo al bivio

Continua il caos in casa rosanero, nella settimana che porta alla data fatidica del 30 giugno , ovvero quella del tanto atteso closing. Intanto tra oggi e domani sono attesi in città tanti arrivi, come sottolinea Il Corriere dello Sport di oggi. In città infatti dovrebbero sbarcare sia Baccaglini che il duo Tedino-Lupo (nuovo allenatore e ds rosanero) per la presentazione ufficiale.
Il quotidiano si interroga su chi presenzierà a queste presentazioni. Difficile ci sia Baccaglini, l’ex iena potrebbe non esporsi così tanto dato che il closing non si è ancora concluso. Così come è altrettanto difficile che sia lo stesso Zamparini a farlo, il patron friulano non è il benevenuto in città e nelle ultime conferenza stampa si è inventato artifici come presentazioni nella sua terra (vedi Foschi) o collegamenti in videoconferenza.
FOTO – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI, 25 GIUGNO
Intanto il fatto che Baccaglini ritorni in città dopo due mesi di assenza può essere interpretato come un segnale del buon andamento del closing. L’ex iena in città avrà tanto da fare, in primis l’incontro con il rieletto sindaco Orlando, che ha comunicato un faccia a faccia con il presidente rosanero.
Intanto la delegazione di tifosi che hanno incontrato proprio Orlando, ha reso noto il colloquio con il primo cittadino palermitano: rassicurazioni sul fatto che Zamparini non sarà più presente all’interno della società. Difficile capire se questo avverrà visto che in questo momento tutte le decisioni sono prese proprio dal patron friulano. Una confusione inammissibile.
LEGGI ANCHE:
GAZZETTA DELLO SPORT – CRISI INFINITA, DI DONATO: “IL MIO PALERMO ADESSO È UNA BARZELLETTA”
L’articolo CorSport – Caos! Palermo al bivio proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Gazzetta – Crisi infinita, Di Donato: “Il mio Palermo adesso è una barzelletta”

Strada tortuosa e tante difficoltà per il Palermo, sottolinea La Gazzetta dello Sport odierna. Si deve fare i conti con una retrocessione ancora da metabolizzare, un closing da concludere e una piazza in fermento. Un closing che ha tenuto tutto con il fiato sospeso per quattro mesi, tante tappe vissute e una conclusione che dovrebbe arrivare giorno 30 giugno.
E in questi mesi il Palermo ha vissuto una cogestione che proprio non è stata digerita dall’ambiente. Sia Zamparini che Baccaglini hanno percorso strade diverse, facendo i loro sondaggi personali per il futuro del club. Alla fine ha vinto Zamparini, con la coppia Tedino-Lupo. Una scelta che ha fatto infuriare i tifosi, scesi in piazza a manifestare il loro malumore. Adesso Baccaglini arriverà in città, in agenda tanti incontri tra i quali anche quello con il sindaco Orlando.
FOTO – LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI, 25 GIUGNO
Una situazione che sta sfiancando anche Daniele Di Donato, rimasto grande tifoso rosanero: “Sono preoccupato, sembra non sia cambiato nulla. Il Palermo da società modello è diventata una barzelletta e questo dispiace. Zamparini ha fatto grandi cose ma serve una sterzata, non sembra avere più le forze. Baccaglini mi piace, ha entusiasmo”.
Di Donato promuove Baccaglini e dà alcuni consigli ai rosa per il prossimo campionato: “Servirà pazienza, la B è lunga e difficile. Ci sarà bisogno del calore del pubblico. Penso si debba ripartire da Diamanti e Rispoli. Anche Nestorovski e Goldaniga sono ottimi elementi, ma devono essere motivati. Tedino? Parlano i fatti, merita questa chance. Non sempre il nome altisonante è sinonimo di mossa vincente”.
 
L’articolo Gazzetta – Crisi infinita, Di Donato: “Il mio Palermo adesso è una barzelletta” proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Palermo, il nuovo proprietario è… Zamparini | (se le parole hanno un minimo di senso)

Eravamo rimasti a un comunicato ufficiale di qualche giorno fa: accordo ratificato, soddisfazione delle parti, passaggio di proprietà entro il 30 giugno. Poteva sembrare la fine della commedia. E invece la commedia sembra destinata a continuare: o a concludersi in una farsa. Di sicuro regna la confusione e il disorientamento.
Zamparini è tornato a esternare come ai bei tempi. Nelle ultime 72 ore ha rilasciato una ventina di interviste a carta stampata, radio, tv e siti online. Non ha risparmiato risposte a nessuno e ha detto – in ordine sparso – che ha scelto lui Tedino e Lupo, che ci sono 10 milioni di budget per il mercato, quali giocatori restano e quali vanno via, che coinvolgerà Frank Cascio nel progetto, che lo stadio si farà certamente ecc ecc, bla bla bla. Non è un po’ troppo, per uno che sta passando la mano e che dopo tre lustri al comando lascerà il Palermo? No, evidentemente. Almeno per lui. E spiega che la sua esperienza è fondamentale visto che Baccaglini non ha esperienza di calcio e che se il 30 giugno non arrivano i soldi resterà lui al timone.
Come, non arrivano i soldi? E che abbiamo fatto fino a ora? E allora si rafforza legittimamente il sospetto che la trattativa sperata da tanti, potrebbe non andare in porto, a dispetto dello stesso comunicato ufficiale del Palermo. Baccaglini resterà (forse) presidente ma solo per gli aspetti istituzionali (a ore incontrerà il sindaco Orlando), che per cinque mesi si è andati avanti in un perverso gioco delle parti e che magari resta in piedi la volontà di vendere ma non ci sono ancora i compratori. E, in estrema sintesi, il vero padrone del Palermo resta Zamparini. Che altro dovremmo pensare di fronte a questo fiume di parole? E che altro dovremmo pensare di fronte al sorprendente silenzio di Baccaglini?
Anche noi, come i lettori (che poi sono i tifosi) abbiamo un po’ le tasche gonfie di questo “balletto” senza senso, aspettiamo – ormai senza alcuna ansia – la scadenza del 30 giugno e confermiamo le brutte sensazioni sul prossimo campionato di serie B, nella speranza di essere smentiti dai fatti. Non è un pessimismo legato solo alle vicende societarie, delle quali – in ultima analisi – potrebbe fregarcene poco visto che vendere o no è un affare privato di Zamparini. E non c’entrano nemmeno Lupo e Tedino, da più parti indicati come ottimi professionisti. Solo che il Palermo si sta muovendo con enorme ritardo e deve cambiare tutto, non è facile ricostruire tassello dopo tassello il mosaico di una squadra capace di vincere un campionato lungo e difficile come la serie B.
A proposito delle esternazioni di Zamparini però ci preme sottolineare una cosa che non è secondaria. Il suo “muro contro muro” con i tifosi che lo contestano è assolutamente fuori della realtà. Dopo le manifestazioni di protesta, Zamparini ha detto che è solo il 2% dei tifosi a contestarlo mentre a nostro avviso ormai è il 2% ad amarlo incondizionatamente. Le bacheche dei social sono piene zeppe di insulti per lui (e non condividiamo certa insulsa violenza verbale), la stragrande maggioranza degli appassionati si è stancata pure di polemizzare e non tornerà allo stadio fino a chissà quando, un’altra buona fetta di città gli riconosce meriti indiscutibili ma sa bene che il suo tempo a Palermo è scaduto.
Credo che queste “provocazioni” di Zamparini servano soltanto a esasperare gli animi e non servono alla causa. Sono sicuro che la storia renderà merito a Zamparini e agli splendidi risultati ottenuti nel primo decennio e abbiamo già scritto che è assurdo che il presidente più vincente della storia rosanero debba scappare via dalla porta di servizio. Ma certi atteggiamenti – sopportabili quando si vinceva – adesso sono difficilmente comprensibili. I tifosi sono come i clienti di un’attività commerciale, hanno sempre ragione anche quando hanno torto e sono esigenti. Sono gli stessi tifosi che a Zamparini hanno regalato trionfi e amore incondizionato e che adesso si sentono traditi. Sarebbe (sarebbe stato) molto più proficuo dire: i soldi sono finiti, faccio quello che posso. Un atto di umiltà che non è mai arrivato.
L’articolo Palermo, il nuovo proprietario è… Zamparini | (se le parole hanno un minimo di senso) proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Italia U21, Di Biagio: “Complimenti ai ragazzi, la Spagna…”

L’Italia non torna a casa. La Nazionale Under 21 prosegue il suo cammino nell’Europeo di categoria in Polonia. Gli azzurrini infatti battono la Germania 1-0  – rete di Bernardeschi – e approdano alle semifinali. Decisiva anche la vittoria nell’altra gara del girone della Danimarca, 4-2 sulla Repubblica Ceca.
“Complimenti ai ragazzi”, afferma a fine gara il ct azzurro Di Biagio. “Le critiche ci stanno, fanno parte del nostro lavoro. Questa sera abbiamo fatto una grande partita, il nostro obiettivo era intanto vincere 1-0 e poi vedere cosa succedeva. Così è stato”.
La mossa di giocare senza attaccanti ha messo in difficoltà la Germania: “Una mossa riuscita perché abbiamo vinto”, minimizza ironicamente Di Biagio. “Dobbiamo essere contenti, abbiamo  giocato bene e siamo riusciti ad alzare i ritmi contro una squadre che ci ha creato disagi. Sappiamo che ancora non abbiamo fatto nulla, c’è da andare avanti e migliorare. Testa alla semifinale”.
Semifinale che richiederà all’Italia un altro miracolo. Di fronte ci sarà la Spagna: “Ci penseremo tra un quarto d’ora – sorride il ct azzurro – . Cercheremo di fare un altro miracolo. Adesso però dobbiamo recuperare le forze”.
L’articolo Italia U21, Di Biagio: “Complimenti ai ragazzi, la Spagna…” proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Verratti avvisa il Psg: “Resto solo se la squadra viene rinforzata”

È senza dubbio uno dei prezzi pregiati del calcio italiano in giro per il mondo. Marco Verratti è un talento indiscusso, perno del Psg ma non ancora del tutto della Nazionale Italiana.
Passato dalla Serie B con il Pescara alla Ligue 1 con il super Psg, Verratti ha subito incantanto. Si è imposto fino a diventare imprescindibile per la squadra francese e ambito uomo mercato.
La stagione deludente dei francesi, eliminati clamorosamente dalla Champions con quel clamoroso 6-1 subito a Barcellona e secondi in campionato dietro al Monaco, ha spinto il regista italiano a valutare il futuro e un possibile addio. Mentre il giocatore si trova in vacanza (beccato tra l’altro ad Ibiza con una sigaretta in mano), le voci sulla sua eventuale partenza non si placano. Il Barcellona lo vuole a tutti i costi, pronta una super offerta per portarlo via da Parigi.
“Non me ne devo andare via a tutti i costi“, precisa Verratti a La Gazzetta dello Sport. Il centrocampista lancia però un chiaro messaggio al club parigino: “Voglio vedere se stavolta fanno davvero la grande squadra – afferma . Nel caso, sarò contento di restare. Ogni anno dicono che faranno una grande squadra, ma poi abbiamo visto i risultati. Le promesse non bastano più“. Parole chiare, una condizione. Una super squadra per trattenete Verratti, altrimenti il Psg dovrà fare i conti con il suo addio.
L’articolo Verratti avvisa il Psg: “Resto solo se la squadra viene rinforzata” proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Ex rosa, la Lazio pensa a Kasami

Vi ricordate di Kasami? L’ex giocatore del Palermo potrebbe tornare in Serie A.
Il centrocampista svizzero, di 25 anni, ha vestito la maglia rosanero solamente un anno. Era la stagione 2010/2011, l’anno in cui il Palermo tornò in Europa League e quello della sconfitta in finale di Coppa Italia contro l’Inter.
Kasami collezionò 7 presenze nella competizione europea (5 nei gironi e 2 nei preliminari vinti contro il Maribor), 14 in campionato e 2 in Coppa Italia. Dopo solamente una stagione fece le valigie, direzione Fulham. In Inghilterra la sua avventura durò due anni, poi il trasferimento all’Olympiakos dove gioca tutt’ora.
Il club greco vorrebbe rinnovare il suo contratto in scadenza ma, come rivela Tmw, Kasami piace alla Lazio. Già a gennaio il club laziale lo aveva messo nel mirino, adesso è un’occasione di mercato e potrebbe tornare così in Italia.
L’articolo Ex rosa, la Lazio pensa a Kasami proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Roma, Monchi studia tre colpi: il primo è Pellegrini

Fine settimana intenso per il direttore sportivo della Roma Monchi che studia tre colpi da portare a segno ad inizio della prossima settimana.
Il primo è Lorenzo Pellegrini, centrocampista scuola giallorossa di proprietà del Sassuolo. La Roma eserciterà il diritto di ricompra, la firma è prevista settimana prossima e verrà inserita una clausola rescissoria.
Poi Monchi si concentrerà su Foyth e Karsdrop. La novità è su quest’ultimo fronte perché, secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, lunedì ci sarà un appuntamento tra Roma e Feyenoord per chiudere a l’affare a quindici milioni di euro.
Per la porta, infine, occhi puntati su Diego Alves in caso di cessione di Skorupski.
L’articolo Roma, Monchi studia tre colpi: il primo è Pellegrini proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT

Per Redazione

Inter, idea Nastasic per la difesa

Attacco, difesa e centrocampo. Idee per tutti i reparti per l’Inter a caccia di rinforzi da poter dare a Luciano Spalletti in vista della prossima stagione.
Ieri il direttore sportivo dei nerazzurri Piero Ausilio ha incontrato il potente agente Fali Ramadami. Con lui si è parlato di diversi giocatori, compresa una nuova idea in difesa: Nastasic.
Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, l’ex difensore della Fiorentina – in forza allo Schalke 04 con il quale ha un contratto fino al 2019 – rappresenta un profilo esperto ma allo stesso tempo giovane visti i suoi 24 anni.
I tedeschi chiedono non meno di 10 milioni di euro, una valutazione comunque inferiore di quella fatta dalla Sampdoria per Skriniar.
L’articolo Inter, idea Nastasic per la difesa proviene da Stadionews24.
Pubblicato su RADIO PALERMO CENTRALE in: SPORT