Covid-19.  Autocertificazione per spostarsi, ecco le sanzioni  per chi ne è sprovvisto

Written by on 11 Marzo 2020

Il nuovo decreto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte estende a tutta Italia le norme previste già per le cosiddette zone rosse, sancendo forti limitazioni negli spostamenti. Per muoversi servirà un’autocertificazione e un giustificato motivo: vediamo quali sanzioni rischia chi non ottempera alle indicazioni contro il coronavirus.

Le sanzioni per chi non rispetta il decreto “Io resto a casa”.

“Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato [337, 338, 389, 509], con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a duecentosei euro”:

questo il testo dell’articolo 650 del codice penale, a cui fa riferimento il decreto. Chi viene sorpreso a violare le nuove direttive, non osservando appunto il provvedimento dell’autorità emanato per questioni di pubblica sicurezza e di tutela della salute pubblica, può essere sanzionato con una multa di 206 euro o con l’arresto e la reclusione fino a tre mesi.

A meno che il fatto non costituisca un reato più grave, si legge: in questo senso sono menzionati alcuni articoli del codice penale tra cui quello di resistenza a pubblico ufficiale, per cui è prevista reclusione da 6 mesi a 5 anni o quella di violenza e minaccia a un corpo politico/amministrativo/giudiziario, per cui la pena può arrivare fino a 7 anni.


RADIO PALERMO CENTRALE

L'informazione oltre la musica

Current track
TITLE
ARTIST

Background